Il diario della vita in Riviera (a cura di Marco Vallarino)

lunedì 12 maggio 2014

Porte aperte al Dams di Imperia per il nuovo IDfest

[Il Secolo XIX 12/05/2014]


Musica, teatro, letteratura, arte e creatività a 360 gradi nel fitto programma dell'IDfest, il festival del Dams di Imperia che per tutto il mese animerà lo scenario dell'università, in via Nizza a Porto Maurizio, con tanti appuntamenti offerti con ingresso libero a tutta la cittadinanza. Allestita negli spazi del polo intitolati a Italo Calvino e alle sue “città volanti” (Sala Eutropia e Anfiteatro Zenobia), la manifestazione realizzata con una singolare sinergia tra allievi e docenti della facoltà, e la partecipazione di vari illustri ospiti, ha inaugurato l'edizione 2014 la scorsa settimana con due eventi dedicati al laboratorio di teatro contemporaneo di Emanuele Morandi e alla “jazz lesson” del musicologo Luca Cerchiari. 

Domani andranno in scena altri due attesi appuntamenti. Alle 17 si terrà un evento dedicato alla gamification, ovvero l'applicazione degli stili e delle dinamiche di funzionamento dei videogiochi a processi produttivi, strategie comunicative e promozionali. In cattedra il professor Giuseppe Romano, docente universitario di “lettura e creazione di testi interattivi” che presenterà il proprio libro sul tema Mass effect (Lupetti Editore). 

Alle 20.30 l'IDfest ospiterà la diretta streaming dal Teatro della Tosse di Genova della prima dell'Amleto di Shakespeare nell'allestimento preparato dal regista Sandro Baldacci con la compagnia degli Scatenati, formata dai detenuti della casa circondariale di Marassi. 

Mercoledì sarà proposta una giornata sulle arti figurative, che raggiungerà il culmine alle 20.30 con lo spettacolo di teatro performativo “Gli spauracchi crescono nel vuoto” allestito dagli attori del Parcheggio delle Nuvole e del Teatro Impertinente

Giovedì 15, dopo la lezione mattutina di Marina Rossi sulle celebri donne pilota russe Le streghe della notte, nel pomeriggio sarà presentata la “pagina letteraria” dell'IDfest con un articolato ricordo di Francesco Biamonti che, oltre a una mostra fotografica e alla proiezione di alcuni video, offrirà gli interventi del docente universitario Giorgio Bertone e del fratello dello scrittore Giancarlo B. Alle 18.30 infine andrà in scena “La melodia del vento”, progetto per una messa in scena dello spettacolo “Vento largo”, allestito da Pino Petruzzelli con gli studenti del corso di drammaturgia del Dams. 

Venerdì pomeriggio gli artisti del Suq di Genova animeranno la conferenza spettacolo “Le differenze come valore”, mentre alla sera si terrà la presentazione del manifesto dei nuovi cantautori liguri introdotta da Matteo Paoletti e animata da Chiara Ragnini, Ramon Gabardi, Christian Gullone, Sergio Pennavaria, Davide Geddo, Roberto Grossi dei Subbuglio e altri artisti emergenti del panorama canoro regionale.

Marco Vallarino 

Nessun commento: